Kenya con bambini: i consigli per un viaggio indimenticabile

6

Oggi lasciamo la parola a Valentina Giustozzi, una carissima amica di famiglia, mamma di un bimbo straordinario che cresce a vista d’occhio e grande appassionata di avventure. 
Valentina e Niccolò sono stati in Kenya a dicembre 2015 e con questo bellissimo articolo ci raccontano com’è andata, con la speranza che sempre più famiglie si avvicinino a questi grandi viaggi senza timore! Ecco quindi a voi il Kenya con bambini: sicuro, avventuroso e indimenticabile. 

viaggio in kenia

Erano anni che sognavo questo viaggio.
Erano anni che sognavo l’Africa.
Quella selvaggia, autentica, quella che ti entra nelle viscere e non ne esce più.
Dai colori intensi, vivaci, gli occhi penetranti, gli orizzonti infiniti, la terra rossa, gli animali selvaggi, la savana, l’oceano e i tramonti che ti lasciano senza fiato. Così ho deciso di farmi un regalo, e di partire con mio figlio e mia madre, in un momento particolare della mia vita che ha unito tre generazioni dentro lo stesso aereo, sotto lo stesso cielo avventuroso.

La scelta del Kenya è stata quasi naturale, cercavo un posto dove poter godere del mare e provare l’avventura del safari. Il mix perfetto offerto da un paese speciale che resterà per sempre nel cuore.
Nonostante in passato abbia sempre organizzato i miei viaggi fai da te, stavolta ho preferito affidarmi ad un’agenzia, anche perché partivo col piccoletto di casa e volevo assicurarmi il massimo comfort per lui, e anche un po’ per me, ammetto!!
Innanzitutto mi preme dire che il Kenya è una destinazione sicura, specialmente lungo la costa, mai in alcun momento ho avuto la sensazione di essere in pericolo. Anzi. La disponibilità, il senso di protezione che si avverte è davvero unico.

Il 3 dicembre si vola da Roma con destinazione Mombasa.

Un viaggio lunghissimo e faticoso, come mi aspettavo. Si attraversano due continenti, settemila chilometri e un oceano in mezzo.
Appena arrivi, i sensi sono catapultati in una dimensione quasi surreale, la sabbia bianca che riflette la luce del sole e si specchia nelle piscine naturali, uno spettacolo che la marea regala ogni 6-8 ore.

Watamu è così, ti cattura anche l’anima. Gli occhi si riempiono di colori, odori, suoni e bellezza.

kenya con bambini spiaggia

Un senso di benessere incredibile, la sorpresa di poter godere di tanta meraviglia, di essere privilegiati in un posto tanto incredibile.
E tutto intorno a te l’Africa, quella vera, quella che immaginavi, vista in tv, quella dai piedi scalzi, delle donne con i cesti in testa e i vestiti dai mille colori, dei bambini dagli occhi profondi e la pelle color ebano, della polvere, delle case di fango, della povertà che contrasta così tanto con la ricchezza naturale di una terra tanto affascinante.

Abbiamo trascorso i primi giorni esplorando i mille segreti che la marea svela la mattina presto sulla barriera corallina, le nuotate nelle calde acque dell’oceano indiano, le passeggiate lungo la costa, la scoperta dei villaggi, dell’artigianato locale, della gente del posto, dei profumi del cibo.

kenya con bambini

Un viaggio che stimola costantemente i sensi.

E poi la terra rossa, quella lunga strada che porta fino alla savana, all’ingresso del Parco dello Tsavo est. Li abbiamo fatto incredibili incontri con gli animali più grandi e selvaggi del pianeta. L’eccitazione, la sorpresa, sperimentando il senso di libertà, l’indole degli animali nel loro ambiente naturale, l’attesa, la paura, l’energia, la lentezza, i ritmi, il cerchio della vita che in questo posto si riempie di tutto il proprio senso.

Qui tutto ha inizio, qui nella stessa terra convivono uomo e animale, libero, senza catene, senza barriere. Qui il grande insegnamento del rispetto e della libertà dell’uomo acquista valore e profonda dignità.

Qui tutto il superfluo non ha più senso.

Di ritorno dall’Africa non ti senti solo arricchito, ma metti in discussione la tua intera esistenza. La misuri con una latitudine differente dove le cose semplici vincono su tutto.

Dove l’affannarsi, il correre, il continuo accumulare non ha più senso.

In Africa ritrovi le radici di un’antica memoria umana, ancorate saldamente dentro la coscienza, più o meno inconsapevolmente. Qui gli istinti si ravvivano, rifioriscono i sensi, ritroviamo l’equilibrio della vita, fatta di cose semplici, di cose vere. Qui sentiamo di appartenere alla terra, sublimiamo la bellezza universale in un’armonia cosmica che si riflette dentro e fuori di noi. Qui, dove le stelle non sono solo in cielo, ma anche nei bellissimi fondali trasparenti.

Qui tutto ha una dimensione diversa, che sentiamo ci appartiene di più.

Il senso della vita in un sorriso, una sensazione, un colore.

L’esplosione dei contrasti di questa terra ci riporta al piccolo grande universo che custodiamo dentro di noi.
Cieli immensi, orizzonti infiniti, luce, calore, suoni che ci richiamano alle origini.
Questa è l’Africa.

kenya con bambini

 

Cose da fare in Kenya con bambini

 

  • Rovine di Gede: Un pomeriggio all’avventura, scoprendo i resti di una città perduta nella giungla, tra maestosi e centenari Baobab e circondati da decine di scimmiette curiose e affamate, che salteranno sulle vostre spalle a mangiare banane. Fatene una bella scorta!
  • Safari Tsavo est: Andare in Kenya e non fare il Safari è come visitare Roma senza vedere il Colosseo. Scegliete la combinazione più adatta a voi: una giornata, due o una settimana intera per avventurarvi nella Savana, in un magnifico tour fotografico sulle jeep, dove vi sporcherete di terra rossa, farete appostamenti per scovare gli animali più incredibili e feroci del pianeta, osserverete le bellissime sfumature del mantello della giraffa e delle zebre, la maestosa grandezza dell’elefante, il brivido di paura quando sarete a pochi metri dai felini più pericolosi: leopardi, leonesse, ghepardi. Le distese enormi, il senso di libertà assoluta vi invaderanno anche l’anima.
  • Garoda beach: Lingue di sabbia bianca tra acque cristalline e limpide, qui il cielo si confonde con il mare, le sfumature di blu e azzurro, quei bagni caldi, non le dimenticherete mai.
  • Safari blu: Mezza giornata da trascorrere in una barca dal fondale trasparente per avvistare i pesci più belli e colorati, fare snorkeling, osservare i delfini che nuotano. Una sosta per un pranzo a base di pesce fresco e delizioso, per poi ripartire tra le onde nel blu del mare del Kenya.
  • Alla scoperta della barriera corallina: Un tesoro custodito nelle baie di Watamu che durante la bassa marea si può raggiungere per incantevoli passeggiate alla scoperta delle tantissime stelle marine, o dei pesciolini colorati rimasti negli acquari naturali in attesa che l’acqua ritorni e bagni nelle piccole piscine naturali che si formano. Il fenomeno delle maree è un avvenimento naturale, che si può notare in modo così marcato in pochi posti al mondo e sarà un vero spettacolo vedere cambiare i colori del mare, dal trasparente, al verde, al blu, al turchese.
  • Cucina del diavolo o Canyon di Marafe: Un luogo intriso di leggende ed abbracci di bambini bellissimi. Indimenticabile è al tramonto, quando la luce del sole sembra incendiare le rocce: sarà allora che rimarrete affascinati, distratti, e al contempo incantati, da ombre di bambini scalzi e sorridenti, pronti ad abbracciarvi lungo sfumature brillanti color ruggine e giallo ocra.

 

bimbi in kenia

Luoghi comuni da sfatare Kenya con bambini 

Alghe: sono un fenomeno naturale che ciclicamente si presenta. Non bisogna confonderle con quelle che ci sono da noi. Quelle del mare della costa del Kenya sono preziose per la salvaguardia dell’ecosistema marino, producono ossigeno e clorofilla.

Rischio attentati: Purtroppo il Kenya sta soffrendo in questi ultimi anni i temuti avvisi dei ministeri degli esteri dei paesi occidentali, che sconsigliano la partenza per timore di attentati terroristici, e anche il ministero degli esteri italiano invita ad essere vigili, a “limitare la presenza e, a titolo cautelativo, di effettuare solo viaggi ritenuti necessari”. In realtà la costa è assolutamente tranquilla e così, come l’Intelligenze britannica e il Foreign and Commonwealth Office (FCO) nei prossimi giorni anche l’Italia potrebbe allinearsi nel ridurre la portata degli avvisi di pericolo su Mombasa e zone limitrofe, quantomeno facendo un netto distinguo – com’è giusto che sia – tra le zone di confine con la Somalia e quelle turistiche, dove la situazione è sempre stata tranquilla.

VaccinazioniNessuna obbligatoria, consigliata l’antimalarica. In realtà noi non abbiamo fatto nulla. La costa viene bonificata periodicamente e la sera nelle strutture turistiche vengono spruzzati insetticidi. La profilassi antimalarica provoca diversi effetti collaterali ed è molto pesante: è sufficiente una buona protezione con un prodotto antizanzare specifico per le zone tropicali.

Regalare caramelle ai bambini: Vi troverete sicuramente in situazioni in cui sarete accerchiati da bambini che elemosineranno qualsiasi cosa, con accanto un adulto che vi venderà delle caramelle. In realtà, anche se questa potrà sembrare una cosa innocente e buona da fare, non è così. In questo modo non facciamo che abituare i bambini ad elemosinare, gli togliamo la dignità incentivando comportamenti sbagliati e non salutari. Piuttosto, se davvero vogliamo aiutare questa gente, portiamo qualcosa di utile ai capofamiglia, alle maestre: quaderni (da acquistare in loco, costano meno e non peseranno sul vostro bagaglio), farina, riso, colori, vestiti, oppure mettiamoci in contatto con le associazioni del posto se vogliamo contribuire concretamente ai loro progetti di rivalutazione sociale ed economica. Questo paese ha bisogno di imparare come si fa, non a chiedere. Il fatto di donare pubblicamente aumenta la distanza culturale, alimenta l’dea del bianco ricco e del nero povero.

“Se un uomo ha fame, non regalargli pesce, ma insegnagli a pescare”

kenya con bambini viaggio

 

Tips di viaggio Kenya con bambini 

  • Portate con voi creme protettive spf minimo 50. Ok vorrete abbronzarvi e sfruttare il più possibile la vostra settimana per tornare e far invidia a tutti, ma il sole d’Africa scotta, brucia, è molto forte e rischiate di stare male.
  • Barriera corallina: Ricordatevi sempre durante queste passeggiate di indossare gli scarpini di gomma, quelle da “tedesco” per intenderci, camminare sui coralli può procurare spiacevoli inconvenienti.
  • Niente fretta, abituatevi a ritmi diversi, adattate i vostri ritmi al pole pole africano, che all’inizio potrebbe anche urtare il vostro sistema nervoso ma dopo un paio di giorni, immersi nella cultura africana, vi sembrerà totalmente naturale.
  • Visto: il visto per l’ingresso in Kenya è di 40 euro a testa. Attenzione in uscita: con alcune compagnie pagherete una tassa di 40 euro per uscire, con altre 20 e con altre ancora niente. Non chiedetemi perché.
  • Valuta: In Kenya accettano euro, dollari, scellini. Ma la carta di credito la userete poco, portate quindi contanti con voi.
  • Beach boys: saranno pressanti, onnipresenti e vi offriranno qualsiasi cosa. Pazienza, empatia, e in un paio di giorni, quando avrete scelto il vostro, vi lasceranno in pace!
  • Safari: le proposte sono infinite, da quelle che vi offre la struttura dove alloggerete (villaggio&c0) ai beach boys, a prezzi naturalmente differenti. Per quanto mi riguarda, ho fatto una ricerca incrociata tra recensioni, pagine fb e gruppi. Poi una volta sul posto mi sono lasciata guidare dall’istinto, e non mi sono sbagliata. La risposta è sicuramente BENEDETTO SAFARI KENYA, un ragazzo davvero in gamba che vi farà vivere l’esperienza di un Safari indimenticabile, ed organizzerà in base alle vostre personalissime esigenze escursioni ovunque vorrete andare; in acqua a fare snorkeling o a giocare con le scimmie a Gede, a scoprire il Kenyon di Marafe o le spiagge più belle della costa.. Disponibile, molto gentile, sempre sorridente, vi seguirà con professionalità e dedizione fino al vostro ultimo giorno. Diventerà un amico e non dimenticherete più il suo sorriso! ( lo trovate su whatsapp +254775299600 e alla pagina Fb Benedetto Safari Watamukenya)

cosa fare in kenya con bambini

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • valentina

    Indimenticabile Kenya, sempre dentro al cuore!! Grazie Ale, è sempre un piacere collaborare con te e un grandissimo abbraccio alla tua meravigliosa family <3

    • Grazie a te cara!! Piacere mio <3 e ti auguro di conservare sempre nel cuore l'energia di quel posto!!

  • Maila

    Bellissimo questo post con tanti suggerimenti… vorrei andare a Watamu per capodanno e la mia piccola avrà 2 anni… ce la faremo a fare un safari di 2 giorni con lei?

    • Grazie mille!! Giriamo subito i complimenti all’autrice Valentina Giustozzi!! Chiediamo all’esperta!!! 🙂

  • francesca

    siamo stati ad Agosto 2017 a Watamu con una bimba di 6 anni e’ stata un’esperienza bellissiama,ho contattato dall’Italia Benedetto safari su whats up che e’ stato gentilissimo e ci ha organizzato un safari indimenticabile dove abbiamo visto tutti gli animali possibili ve lo consiglio!!!!! abbiamo risparmiato tempo e soldi e avere un persona di riferimento in loco ci ha agevolato.Un’esperienza da fare ………..grazie per il prezioso consiglio

    • Ma grazie a te Francesca per la preziosissima testimonianza!! Ne sono immensamente felice!! Continuate a viaggiare e a raccogliere esperienze di vita indimenticabili!! Un abbraccione