Cuore di Bimbi: fai battere un cuore con Mission Bambini

2

Loro sono quelli che spuntano nel momento giusto dal nulla, quasi come se un folletto li avessi chiamati a rapporto. Nonostante le distanze, fuso orario e siano fisicamente dall’altro lato del planisfero.
Sono gli #amicidelcuore. Quelle persone che riescono a strapparti un sorriso anche quando è tutto grigio e che, con un semplice gesto, un messaggio o un’immagine ti fanno sentire meno solo.

Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni in cui smanetto con i social media, è che – comunque – per quanto si sia sempre connessi, a volte non c’è nulla di meglio della gioia di un abbraccio in carne ed ossa o quattro chiacchiere davanti a una cioccolata calda e una fetta di panettone.
Perché parlarsi guardandosi dritti negli occhi fa battere il cuore.
E’ vita. E crea una connessione potentissima, che nessun’altra diavoleria digitale può dare.

Ma abbiamo imparato anche quanto straordinari siano i social network e quanto possano avvicinare le distanze, a volte fondamentali, per portare messaggi di pace e vicinanza a chi ne ha più bisogno.
E anche questo fa battere il cuore.

Il Progetto Cuore di Bimbi nei luoghi che ci fanno battere il cuore

 

La Fondazione Mission Bambini mi ha chiesto di raccontarvi il luogo che fa battere il cuore per promuovere, insieme, una straordinaria campagna in favore di chi purtroppo ha un cuoricino che fatica a pulsare. Sono gli oltre 800.000 bambini cardiopatici che nascono ogni anno nei paesi più poveri e che avrebbero bisogno di un intervento o di cure mediche specializzate per poter correre, andare al pozzo a raccogliere l’acqua o più semplicemente, continuare a vivere.

Photo Credits TheCrowdedPlanet.com

 

Con il progetto “Cuore di Bimbi” creato nel 2005 da questa straordinaria associazione, più di 1.400 bambini sono stati operati, 11.500 bambini sono stati visitati  da medici specializzati e oltre centinaia di medici locali sono stati formati da cardiologi e pediatri che troviamo nei corridoi dei principali ospedali d’Italia.

Per il 2016 Mission Bambini ha come obiettivo quello di salvare altri 100 bambini che vivono nelle zone più povere dell’Africa e dell’Asia e che necessitano di cure immediate. Parliamo di paesi come Eritrea, Kenya, Somalia, Uganda, Uzbekistan, Zambia, Zimbabwe, Birmania e Cambogia. Luoghi che fanno battere il cuore dei viaggiatori per colori, paesaggi sconfinati e sorrisi dolcissimi dei loro piccoli abitanti.

Photo Credits TheCrowdedPlanet.com

 

A noi cosa fa battere il cuore?

Quante volte presi dalla quotidianità diamo per scontato quel semplice tamburellare che abbiamo nel petto. Con che trepidazione lo attendiamo, invece, alla prima ecografia dopo aver scoperto di avere una nuova vita dentro di noi.

Pensate mai a cosa vi fa davvero battere il cuore?

La mia risposta è facile, quasi scontata per chi mi conosce almeno un po’.
Il mio cuore batte all’impazzata di fronte alla grandiosità della natura, che mi fa sentire una piccola – microscopica – parte di essa. La respiro, l’ammiro e la tengo dentro di me. Mi fa sentire “al posto giusto”.

luoghi che fanno battere il cuore
E’ qualcosa che sperimento da quando ne ho memoria, ma che ha un profumo nuovo da quando a condividere lo stupore ci sono altri due cuori (e uno che bussa forte nel pancione) accanto al mio. Perché non c’è gioia più grande che assaporare con le persone che ami questa sensazione di totale armonia con il nostro pianeta.

far battere il cuore

 

Che sia la Pianura Padana avvolta nel mistero della nebbia, il cielo azzurro che ammiriamo in montagna, le acque gelide del Mar Baltico o le prorompenti scogliere Downunder. La bellezza della natura spesso batte silenziosa proprio come il nostro cuore, ma sta a noi prestarle attenzione e farla scoprire alle persone che teniamo strette in un abbraccio. La nostra famiglia e gli amici più cari, senza mai dimenticarci però, di quanto possiamo fare per quei sorrisi più lontani che tanto ci catturano quando siamo in viaggio.

Cuore di Bimbi: quello che possiamo fare noi

Con un nostro semplicissimo gesto, loro possono ritrovare il sorriso e correre verso la vita. Aprire il nostro cuore e donarlo a chi è in difficoltà è il regalo più bello che possiamo fare a Natale. E prima di farlo a chi ne ha bisogno, lo facciamo a noi stessi.

Nei giorni 12 e 13 Dicembre, Mission Bambini ha organizzato la raccolta fondi a sostegno del progetto “Cuore di bimbi”, in moltissime piazze italiane, denominate per l’occasione “Le Piazze del Cuore”.  In cambio di una piccola donazione, al banchetto troverete un panettoncino “soffice cuore” con gocce di cioccolato, i braccialetti realizzati da Cruciani C per Mission Bambini e dei  tenerissimi addobbi a forma di cuore per decorare l’albero di Natale.

Per questo Natale pensate agli #amicidelcuore e regalate una speranza anche a chi vive lontano da noi. In fondo basta canticchiare questo motivetto: “Non è importante se non siamo grandi, Come le montagne, come le montagne! Quello che conta è stare tutti insieme, Per aiutare chi non ce la fa!”

Ve la ricordate?

 

regala il cuore

 

Questo post sostiene la Fondazione Mission Bambini che nel weekend del 12 e 13 dicembre sarà con i suoi volontari nelle piazze di tutta Italia per dar vita all’evento “Le piazze del cuore”. I fondi raccolti serviranno ad operare 100 bambini nati con una grave malattia al cuore in un Paese povero.

Scopri la piazza più vicina su www.missionbambini.org. Segui #amicidelcuore.

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo … e ho fatto spazio nel trolley!
Ora siamo la Famiglia Rospi!
Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • mammaincitta

    Un post scritto davvero “col cuore”! Grazie Alessandra!