Viaggio in Messico: sulla Riviera Maya tra natura e archeologia

3

Il Messico è un luogo magico.

Un caleidoscopio di storia antica, leggende, mito, sapori speziati e una natura straordinaria che non aspetta altro di essere scoperta! Se fosse possibile ci tornerei domani con i miei ometti!  

Troverete il sorriso della sua gente ad accompagnarvi in questo viaggio. Sarà emozionante trascorrere ogni giorno di questa luna di miele tra il verde della foresta tropicale, il bianco delle spiagge coralline e il turchese del suo mare.

Il mio consiglio spassionato è quello di andare alla scoperta di un nuovo mondo a passo lento, lasciando che l’allegria colorata del popolo Maya vi contagi. E di quell’entusiasmo fatene scorta tra i bagagli da portare a casa! Vi servirà per affrontare le giornate più grigie a Milano!

Scrivo questo post su suggerimento di una coppia di lettori che, in procinto di dire Sì, mi hanno chiesto di raccontare le più belle escursioni da fare, avendo come base un resort già prenotato a Playa del Carmen.

Viaggio in Messico consigli per le escursioni più belle della Riviera Maya

Direttamente presso il vostro resort troverete un ampio catalogo di gite ed escursioni della diversa tipologia, durata e costo.

Sappiate che con un pizzico di spirito d’avventura (e un occhio al portafoglio) potrete anche visitare queste splendide mete in autonomia. Il Messico, e la Riviera Maya soprattutto, è una zona estremamente turistica e facile da visitare.

Per pochi pesos (valuta locale) e qualche parola in spagnolo, potrete muovervi dal vostro resort con gli autobus di linea, la classica corriera, dove avrete modo di affiancarvi ai discendenti del popolo Maya e di entrare così nella vera cultura messicana.

Molto diffuso è anche lo spostamento con il taxi (più caro della corriera), ma decisamente abbordabile come tariffe. La parola d’ordine in Messico è contrattare, per cui esitate al primo prezzo pronunciato dal driver! I Taxisti saranno anche disponibili ad attendervi per tutta la durata della vostra escursione. Fidatevi, con una lauta mancia, vi aspetteranno anche fin al calar della sera, magari sotto una palma intenti a far siesta, ma non vi lasceranno a piedi!

Ricordatevi di avere sempre con voi il passaporto… e un biglietto da 10$, utile da esibire qualora decidiate di prenotare invece una macchina a noleggio e vi fermi la polizia. Lo so, lo so, non si dovrebbe fare… ma ai miei tempi era una pratica diffusa se non si voleva incappare in multe salate!!
Troverete dei noleggi auto sia a Playa del Carmen che Cancun, ed anche direttamente alla reception dei resort più importanti della Riviera.

Se non vi sentite comunque sicuri ad indossare i panni di prodi avventurieri, rivolgetevi a dei tour operator locali (li troverete sia a Playa che Cancun) e avrete le stesse escursioni a prezzi nettamente più vantaggiosi rispetto a quelle dei resort.

Questo che segue è un piccolo specchietto delle distanze.

Distanze da Playa del Carmen

  • Playa del Carmen – Cancun 70km ca 1 ora e 10 lungo la carettera 307
  • Playa del Carmen – ChichenItza 180km ca 2 ore
  • Playa del Carmen – Tulum 65km ca 1 ora lungo la carettera 307
  • Playa del Carmen – Riserva Sian-Ka’an 140km ca 1 ora e mezza la carettera 307
  • Playa del Carmen – Tikal – Palenque 760km ca 9 ore caldamente consigliata l’escursione in aereo, soprattutto se non avete molti giorni a disposizione

Guardando la mappa può sembrare tutto molto vicino, per noi che siamo abituati a spazi decisamente più ristretti, ma non fatevi trarre in inganno. I limiti di velocità devono essere rispettati, la strada è molto “noiosa” (una lingua di asfalto grigia, tutta dritta, in mezzo al verde della foresta tropicale, dove gli unici diversivi che troverete saranno i cartelli al lato della strada che indicano un resort o una particolare attrazione turistica) e guidare anche solo per un paio d’ore potrebbe diventare faticoso se non siete degli amanti dell’on the road!

Attrazioni naturalistiche Viaggio in Messico consigli

Sono in assoluto le mie preferite! Sarei rimasta ore a contemplare il capolavoro di Madre Natura! Un grande contrasto di colori, dove il verde delle mangrovie e l’azzurro cristallino del mare, rimangono impressi negli occhi.

 

Photo Credits Jusus Pacheco - Flickr

Photo Credits Jusus Pacheco – Flickr

Se volete dedicarvi una giornata nella natura più incontaminata, programmate una gita nella Riserva naturale di Sian-Ka’an, diventata patrimonio dell’Unesco nel 1987. La riserva ha un’estensione di mezzo milione di ettari e comprende spiagge, barriere coralline, la foresta tropicale, dune e cenotes abitati da più di 300 specie di uccelli e da un numero infinito di piante e animali.

 

Photo Credits Tore - Flickr

Photo Credits Tore – Flickr

L’escursione solitamente dura un’intera giornata e prevede anche una gita in barca, snorkeling in un cenote e la visita ad un sito Maya.

Qualora voleste assistere ad uno spettacolo davvero indimenticabile, potete scegliere di pernottare una notte alla riserva e assistere all’alba da questo luogo incantato.

Da tenere in considerazione che la Riserva è a meno di 20km dal sito archeologico di Tulum e che spesso le due attrazioni vengono accorpate in un’unica giornata.

Per maggiori informazioni:
Biosfera Sian Ka’an
www.ecotravelmexico.com
Tel: 0052 (998) 884 3667
info@ecotravelmexico.com

 

Photo Credits - Robert Pittman - Flickr

Photo Credits – Robert Pittman – Flickr

 

Per una gita dal profumo di salsedine, imperdibili le isole di Contoy e Mujeres, raggiungibili in barca sia da Cancun che dal porto di Playa del Carmen (da Playa la navigazione è più lunga, in quanto le isole si trovano di fronte a Cancun). Sono atolli corallini incontaminati. Contoy è disabitata, fatto salvo per un centro di bio-ricerca, ed è dimora di centinaia di tartarughe marine che, ogni anno, su queste spiagge tornano a nidificare.

Qui troverete l’abbraccio del mare. Quello patinato che ci fa sognare sfogliando le più blasonate riviste di viaggio. Davvero da non perdere!

Per maggiori informazioni:
Ecoturism – Cancun
http://www.ecotourism-cancun.com/tours/isla-contoy-tour-cancun-mexico.html

 

Attrazioni storico-archeologiche

Il fiore all’occhiello di tutto il paese. Un viaggio in Messico è sinonimo di cultura, tradizioni e piramidi Maya. Ecco quindi che un tuffo indietro di secoli è a dir poco doveroso prima di tornare a casa. Mettetevi sulle tracce del serpente piumato, perdetevi ad ascoltare antiche leggende e immaginatevi impegnati a giocare a Pelota.

I siti in cui visitare le piramidi Maya sono molteplici e sparsi su tutto il territorio. Da quelli prossimi alla Riviera, a quelli meglio conservati, fino ad arrivare in Guatemala, dove svetta la meravigliosa piramide di Tikal (quella iper ripida resa famosa dalla pubblicità della Fanta di qualche tempo fa).

Photo Credits Paul Simpson - Flickr

Photo Credits Paul Simpson – Flickr

A mio avviso Palenque è il sito Maya che merita di più, ma l’impatto dell’arrivo a Chichén-Itza è davvero strabiliante. Allo stesso modo vi sorprenderà arrivare a Tulum, dove è la vista del panorama nel suo insieme che vi lascerà senza parole. Le rovine dei resti del tempio (un vero avamporto affacciato sull’oceano), la folta vegetazione e l’azzurro tra cielo e mare. Un vero incanto, anche se tra le destinazioni più turistiche e da cartolina.

 

Photo Credits Tore - Flickr

Photo Credits Tore – Flickr

Shopping e divertimento Viaggio in Messico consigli

Cancun e Playa del Carmen offrono davvero di tutto e anche di più! Ma se Cancun è molto più simile a qualsiasi destinazione di mare di stampo americano, Playa mantiene ancora i tratti distintivi del paesino messicano (pur avendo catene di fast food, centri commerciali e brand moda riconoscibili in tutto il mondo).

Ideali per lo shopping e per il divertimento serale, se volete provare l’ebrezza di vivere una serata da star, andate al Coco Bongo di Cancun, il famoso locale discoteca in cui è stato girato il film “The Mask” con Jim Carrey. Gran baldoria, schiuma party, spettacoli e… tequila a volontà!

Per una serata senza troppi pensieri!

Per saperne di più:
Coco Bongo
http://www.cocobongo.com.mx

Buon viaggio e buon Messico!

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • Pingback: Viaggio in Messico: sulla Riviera Maya tra natura e archeologia | Z Feed()

  • Giorgio Matteo Premoli

    Ciao partiamo per il Mexico in luna di miele il 20 giugno 16 con noi verrà il ns piccolo Christian di 16 mesi.
    Saremo in villeggiatura a Playa del Carmen tutte le escursioni sopra elencate a tuo parere possono andar bene con il nostro piccolo ometto? Hai suggerimenti da darmi o particolari dritte?

    • Ciao Giorgio,
      prima di tutto congratulazioni per le nozze 🙂 e grazie mille per il tuo commento.
      Vedrai sarà bellissimo!!!
      In linea di massima ti direi di sì, l’unica che vedo decisamente più impegnativa è quella Tikal e Palenque perchè è una giornata molto intensa, tra viaggio e visita al sito.
      Anche Chichen-Itza se il piccolo non è abituato a stare tanto in auto o sul bus potrebbe diventare impegnativa… Cercate di valutare sempre il grado di “allenamento” a stare a spasso che avete voi e il vostro cucciolo. In alternativa, previo un accordo con guide o tour operator locali, potete decidere di fermarvi a dormire vicino, così da spezzare il viaggio in due tranches, ma secondo me potete valutare tutto una volta arrivati là.
      Le altre sono fattibili senza problemi… e in zona Playa del Carmen ci sono anche parchi divertimenti e attrazioni che possono andare molto molto bene per lui tipo questo: http://www.xcaret.com/
      Un’abitudine che noi abbiamo quando viaggiamo è intervallare sempre giorni di relax (magari in spiaggia o piscina che i bimbi si divertono di più) a giornate di scoperta dedicate alle escursioni, così da bilanciare bene e recuperare le energie.
      Ricordatevi sempre di portare con voi acqua in bottiglia e di coprirlo quando entrate nei luoghi con aria condizionata (a volte è proprio lo sbalzo di temperatura a causare problemi intestinali).
      Se hai altre domande, sono qui!! Poi raccontaci come è andata!!
      Un abbraccio e buon viaggio!