Visitare Denali National Park con Instagram

3

Dall’inizio dell’anno a casa Rospi è comparso un magico contenitore salvadanaio, in cui ogni domenica depositiamo una piccola somma che cresce di un euro con il passare delle settimane. Una sorta di piano di ammortamento annuale, che allo scadere del 2014 ci porterà ad avere un gruzzoletto da dedicare a quello che desidereremo di più. C’è chi prepara questo “porcellino” per l’imbianchino, stufo di faticare per tinteggiare la propria casa, chi per dare un anticipo per la macchina nuova e chi per l’università dei figli e così via.

Noi lo abbiamo iniziato pensando di dedicarlo ad un viaggio. Ma va??? La meta non è ancora stabilita. Potrebbe essere la settimana bianca, il Natale in costume da bagno o una capitale europea, ma visto che il post del giovedì è dedicato a viaggiare con le immagini di Instagram, in questi giorni sto seguendo con tantissimo entusiasmo (e anche un pizzico di sana invidia) il viaggio di due fotografi in una terra meravigliosa e che sognamo di calpestare quanto prima!

Loro sono Seth Hughes e Reena Rose e in questi giorni stanno viaggiando in Alaska, nello straordinario Parco di Denali, 19 mila km quadrati di foreste sconfinate, vette torreggianti, laghi, paludi alpine e ghiacciai che si fanno strada vero il mare.

Venite con me e partiamo insieme per questo viaggio che – sulla carta – è già tutto organizzato!!

Visitare Denali National Park: come arrivare

Atterriamo ad Anchorage con un volo proveniente da Seattle e percorriamo con tantissima trepidazione i 280 miles (circa 4 ore di viaggio) che ci separano dall’ingresso della riserva di Denali, sull’unica strada che attraversa lo stato e che ci porta fino all’ingresso del parco: la Alaska Highway 3. Una volta arrivati all’ingresso del Denali National Park, avremo un’unica strada a nostra disposizione, lunga 146 km e  che porta dalla George Parks Highway, al campo minerario di Kantishna. Ma nonostante l’immenso territorio, solamente i primi  24 km possono essere percorsi in autonomia, con mezzi propri, e di questi, solo i primi 15 miglia circa sono su asfalto.

Superato quindi questo punto, si arriva al centro visitatori, dove possiamo lasciare la nostra vettura e avventurarci a piedi, in mountain bike o con il bus. Proprio per preservare il più possibile gli accessi in questa oasi di pace e natura incontaminata, il Denali National Park ha messo a disposizione dei visitatori una rete di servizi autobus molto efficiente e che rappresenta la soluzione migliore per andare alla scoperta dell’area naturale.

 

Visitare Denali National Park in bus

Sia che si scelga una visita in autonomia o che ci si appoggi ad uno dei tanti tour operator che offrono un pacchetto turistico completo, il modo migliore per visitare Denali National Park è con un tour in autobus. Si parte direttamente dal Visitor Center e l’offerta qui si divide nel servizio di shuttle messo a disposizone dall’ente del parco e nei diversi servizi di autobus turistici organizzati dalle agenzie. Il primo è sicuramente più pratico ed economico rispetto ai bus turistici ed effettua un percorso obbligato  lungo le molteplici fermate nelle aree principali del parco. Scegliendo invece, i tour con i bus turistici, avremo anche i servizi di ristorazione a bordo, la guida che ci accompagnerà lungo i sentieri e generalmente è inserito nel costo complessivo anche il servizio di alloggio nelle strutture del parco.

 

Visitare Denali National Park e il Monte Mc.Kinley

Il fiore all’occhiello di questa destinazione è il monte McKinley. In tutto il continente nessun’altra cima svetta così imponente nel cielo e con i suoi 6.000 metri è all’altezza del nome originale, “Denali” che in lingua athabaska significa il più alto. Questa montagna è una sfida formidabile! Grazie alle spinte tettoniche continua ad innalzarsi di un millimetro all’anno. il clima è imprevedibile anche a luglio e nonostante le temperature che registrano anche -40°, circa 1.200 alpinisti cercano la sua vetta ogni anno.

 

Il parco si divide in tre zone ben distinte: Denali Wilderness, ovvero un’area dove è vietata la caccia, Denali National Park che comprende alcuni territori aggiunti al parco nel 1980, qui si trovano ancora popolazioni indigene che possono praticare le loro attività di sussistenza e il Denali National Preserve in cui è possibile praticare caccia e la pesca, secondo le norme dello stato dell’Alaska.

Visitare Denali National Park: le stagioni migliori

Denali è una terra davvero estrema. Caratterizzata da lunghi e rigidissimi inverni, anche se a nostro avviso straordinariamente affascinanti, l’estate è in assoluto il momento migliore per organizzare una visita in Alaska. Primavera e autunno sono stagioni talmente brevi e “ballerine” che potrebbe capitare di essere sorpresi da un inaspettato calo delle temperature con tanto di nevicate.

Visitare Denali National Park in bicicletta

 

Per vivere il parco nel silenzio della natura, non c’è nulla di meglio che prendere una MTB e sbizzarrirsi sui tanti sentieri di Denali in bicicletta.
I ciclisti possono circolare sull’unica strada del parco, nelle zone dei campeggi e sulle piste ciclabili disegnate tra il fiume e il Nenana Denali Visitor Center. Le biciclette sono vietate su tutte le altre piste.
Per i ciclisti non ci sono le limitazioni che ci sono invece per i veicoli privati e si può godere al meglio delle escursioni nel parco.
Le biciclette possono essere trasportate sul fiume Shuttle Savage e su alcuni bus navetta.

 Visitare Denali National Park in campeggio

Campeggiare nell’area del Parco è sicuramente una delle esperienze più belle per vivere appieno lo spirito selvaggio di questa terra. A Denali ci sono 6 aree camping, tutte aperte da circa la metà di maggio fino alla metà di settembre: Riley CreekSavage RiverSanctuary RiverTeklanika RiverIgloo Creek e Wonder Lake .

Il campeggio nel parco è strettamente regolamentato per preservare al meglio la vita di chi abita. Ecco qualche info indispensabile, se pensate di pernottare al chiaro di luna:

  • L’accesso a tutti i campeggi è da Riley Creek Mercantile o presso il Wilderness Access Center. Tutti i check in e check out si svolgono tassativamente alle ore 11.00.
  • Nessuno dei campeggi all’interno del parco fornisce elettricità o allacciamenti. Qualora ci sia bisogno di collegarci ad una presa, è consigliabile optare per uno dei camping fuori dal territorio dell’area protetta.
  • Cani e animali da compagnia sono ammessi solo all’interno dei campeggi e sulla strada principale, ma non possono avere accesso ai sentieri.
  • L’accensione di fuochi è consentita nelle aree di Riley Creek, Savage River e Teklanika River. E’ possibile raccogliere legna già a terra, ma è comunque preferibile acquistarne presso il Riley Creek Mercantile.
  • Ogni campeggio può accettare un limite massimo di 3 tende e di 8 persone per piazzola e vige il limite massimo di 14 notti di pernottamento consecutivo.
  • Le piazzole non sono prenotabili, ma è possibile farlo solo arrivando in loco, dopo aver riservato un posto tra i sei campeggi a disposizione.

Maggiori informazioni e tariffe sulla pagina del parco

Visitare Denali National Park e se incontro un orso?

L’unica compagnia che troveremo a Denali sarà quella dei minacciosi abitanti del luogo. Un orso, ma non solo! Denali è la casa di moltissime specie animali e meravigliosi esemplari che qui possono ancora vivere in piena libertà! Ma chi decide di avventurarsi in queste lande desolate, probabilmente rimarrebbe deluso se non incontrasse un grizzly, un big horn o un’alce. Ranger e guide consigliano caldamente di non avventurarsi nel parco senza aver portato con se dei contenitori ermetici per il cibo, che tenendo lontano la scia dell’odore di un lauto pranzo, riducono di molto il possibile “faccia a faccia” con un grizzly.

Nel caso, rimanete immobili, non scappate a gmabe levate anche se la tentazione sarebbe fortissima, non guardatelo negli occhi e soprattutto  non gettategli lo zaino!!

Denali National Park è una destinazione imperdibile che porta al limite chiunque la visiti, una natura spietata che spinge lo spirito umano a dimostrarsi tanto epico quanto il paesaggio!

 

Questo post è il mio contributo per il blog party Instagram Travel Thursday. In che cosa consiste? Semplicissimo! Parlare di viaggi e turismo utilizzando le foto pubblicate su Instagram, le vostre o quelle dei profili più famosi!
instagram-travel-thursday-IG-picture

Potete partecipare alla nostra community:

– se avete un blog e avete voglia di parlare di viaggi, mete e destinazioni. Preparate entro mercoledì prossimo un post e inserite le foto che più vi piacciono di Instagram. Fateci sapere che siete dei nostri, inserendo il link del vostro articolo cliccando sul pulsante blu che trovate qui in fondo ed il gioco è fatto!

 se avete il profilo Instagram, postate i vostri scatti usando l’hashtag #IGTravelThrusday

Le foto e i profili che hanno aderito a questo progetto sono davvero tantissimi: per rendervene conto, vi basterà sbirciare su ecplora e cercare gli scatti che vi piacciono di più, tra tutti quelli pubblicati con #igtravelthursday.

Con me in questo bellissimo viaggio intorno al mondo ci sono:

Francesca di Che ti porto
Valentina di The Family Company 
Monica di Idee di tutto un po’

Vi aspettiamo per viaggiare insieme alle foto di Instagram Travel Thursday! 


Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!