Io sto con i Cetacei per la salvaguardia del nostro mare

4

Immaginate di svegliarvi, una mattina, e trovarvi in mezzo al mare. Siete a bordo di una splendida settantenne. Oloferne. Una barca a vela, una goletta per l’esattezza, che profuma di vento e salsedine. Aprite gli occhi ancora un po’ assonnati. Le vele riposano ancora nelle loro calze. Il mare è calmo, silenzio e tranquillità tutt’intorno a voi. Ma a un tratto, uno sbuffo lontano richiama la vostra attenzione…

Se pensate che queste foto siano state scattate in luoghi lontani o mari tropicali, siete fuori strada. Nulla di più vicino a casa nostra. Siamo nel Santuario dei Cetacei, un triangolo di mare che si estende per circa 96.000 km2 tra Italia, Francia e Principato di Monaco. Fondali profondi, correnti ascendenti che facilitano la formazione di grandi banchi di plancton e che, di conseguenza, contribuiscono a rendere le acque dei nostri mari una dimora sicura per balenottere, delfini, capodogli e orche. Alcune solite vivere tra Liguria e Toscana, altre solo di passaggio, ma capaci di regalare grandi sorrisi e un profondo senso di pace a chi capita sulla loro scia.

Ma per poter garantire a questi splendidi esemplari, di continuare a nuotare nelle nostre acque, è fondamentale garantire loro un ambiente pulito. Incontaminato. E Goletta Verde di Legambiente è da sempre impegnata anche su questo fronte. Salpata lo scorso 3 aprile dalle Cinque Terre, la Oloferne ha navigato tra Liguria, Sardegna e Toscana per gridare a gran voce il suo messaggio di rispetto per la natura.

Una barca a vela bellissima, con tante storie da raccontare, racchiuse tra le sue cime, la trama delle sue vele e in ogni listello del suo ponte.

Noi l’abbiamo incontrata, con tantissima emozione nel cuore (e forse un po’ di mal di mare). Abbiamo visto la forza profusa dai volontari, membri dell’equipaggio della Goletta, nel sensibilizzare grandi e piccini alla tutela del patrimonio naturale custodito nel Santuario dei Cetacei. 

Basta poco, pochissimo per proteggere il nostro mare. Lo sapevate che l’inquinamento delle acque proviene quasi totalmente da attività prodotte dall’uomo? Un sacchetto di plastica lasciato in spiaggia, un mozzicone di sigaretta buttato in acqua o un semplicissimo cotton fioc gettato nel wc e non nel cestino. E sono – come al solito – i piccoli gesti di ognuno di noi che messi insieme si trasformano in grandi azioni.
Anche se di rientro alle Cinque Terre, le attività della Goletta non si fermano ed è compito di noi grandi, continuare a sensibilizzare i più piccoli a difendere la rotta dei grandi mammiferi marini e del loro habitat.

E come ogni volta, grazie alla magia dell’entusiasmo dei bambini, tutto assume un messaggio ancora più vero, più forte … e anche più sincero…

 

Dopo questa bella navigata per mare, aspettiamo ora i vostri post per l’iniziativa di #IGTravelThursday e corriamo a leggere cosa hanno scritto le altre due host della Community italiana  Francesca di Che ti Porto.it e Valentina di The Family Comany.it!

instagram-travel-thursday-IG-picture

Al prossimo giovedì!

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • Valentina

    MERAVIGLIOSO!!! Questa è un’esperienza da non perdere!!!

    • e poi se ti capita davvero l’incontro con il delfino è memorabile!!!

  • Monica Liverani

    E io che mi sono fatta 10.200 km in auto per vedere una coda di Balena e non ci sono riuscita??? Che fortuna Ale!

    Io con il mio #IGTravelThursday di oggi ho accolto, in parte, una richiesta che mi avevi fatto!

    • Nemmeno noi in Australia le abbiamo viste… E poi dietro l’angolo le incontri…

      Corro a leggere già m’immagino, sarà stupendo!!? Grazie Moni!!!