Gli italiani e il caffè. Con voi, nel mondo!

2

41 interviste raccolte nella sezione “Un caffè a…” sono un’istantanea delle diverse abitudini degli italiani in tema di caffè. Certo, nessuna pretesa di aver analizzato un campione demoscopico sul totale degli italiani, ma gli ospiti del bistrot del venerdì rispecchiano le abitudini, le caratteristiche e le aspettative sul momento di pausa per eccellenza.

Il caffè.

Un rito antico, una nota dal profumo intenso, un ricordo di casa.

 

A quella prima domanda di apertura di ogni singola intervista, “Un caffè a…” oggi è Lavazza a rispondere. E lo fa, proclamando a gran voce un “Con voi, nel mondo!

In oltre un anno dal lancio della rubrica, abbiamo girato il globo intero grazie ai vostri racconti, ospitato nel bistrot del venerdì le personalità più disparate, dato voce a narrazioni di vita vissuta, tutte, però, accomunate dall’amore per i viaggi e per l’Espresso come unico denominatore.

Caffè chiama casa”. “Come quello della Moka, non c’è…” “Quando sono all’estero non lo bevo”. “Magari ci fosse l’Espresso qui…” solo alcune delle testimonianze raccolte.

E’ una relazione profonda quella con la tazzina, cui spesso gli italiani che varcano i confini nazionali abbandonano, onde evitare intrugli diabolici, imparagonabili all’aroma del bar sotto casa. Ma il caffè, quello della Moka, l’espresso che ci invidia il mondo intero, da oggi non è più una tradizione cui rinunciare, perché grazie all’ultima invenzione di casa Lavazza, il caffè sarà “Con voi, nel mondo!” Non importa dove, come e con chi. Espressgo vi seguirà in tutte le vostre avventure.

Come? Semplice, come bere un caffè!

Espressgo è una macchina del caffè portatile, pratica e facilissima da usare. Vi basterà inserire la presa ad un attacco di alimentazione a 12 V, (per intenderci quello più comune dell’accendisigari che usiamo per ricaricare il telefonino durante i viaggi in auto), dotarvi di cialde e testare le mille sfumature dei chicchi marroni.

Barca, camper, campeggio, auto. Espressgo è un accessorio discreto, che ben si adatta ai vostri bagagli e che porterete dappertutto, come un inseparabile compagno di viaggio. Addicted di caffè e viaggi, siete avvisati! Non potrete più farne a meno!

 

Articolo sponsorizzato

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • Maddalena

    (tanti…) anni fa – da ragazzi giovani negli anni ’80-90 – per esprimere meraviglia dicevamo : “che flash…!!!” ecco, questa caffettiera da viaggio mi ha fatto ricordare quella di mia nonna… anche molto simile nel design!!!… e di quando lei si faceva il caffè nella stanza della pensione a San Remo… che “flash”… anzi, “flash-back”…!!!

    • Verissimo!!! Hai proprio ragione Maddalena!! Sono anche io una di quelle giovincelle 🙂 A volte ho l’impressione che questa modernità, altro non sia che il valore della tradizione, con un pizzico di restyling!!
      Grazie del tuo commento