Si chiama Enjoy la nuova mobilità per scoprire Milano

2

Io ho un sogno. Oltre a quelli sul tema “viaggio” espressi nel post precedente, vorrei vedere le città e soprattutto la mia Milano, sempre più efficiente, sostenibile, a misura d’uomo. Meno trafficata. Meno inquinata. Ricca di servizi per tutti, dai grandi ai piccini. Intenta a incipriasi il naso in previsione di EXPO 2015, la capitale meneghina è in gran fermento e sta puntando moltissimo, con mia grande soddisfazione, ai temi della mobilità.

Gli italiani, si sa, sono ancora molto legati alle macchine. Al senso di possesso della propria auto, allo “status” che incarna e a che rappresenta avere quella determinata marca o quel tipo di vettura in box. Ma la tendenza – piano, piano – sta cambiando e complice la stretta sui consumi, il desiderio di vivere una città più sostenibile e l’aumento delle iniziative di ”sharing” l’automobile torna a essere quello per cui è stata progettata: un mezzo di spostamento a disposizione di tutti, pronto, fruibile ed economico.

L’ha capito ENI, che in partnership con Fiat e Trenitalia, ha ideato Enjoy, una nuova formula di Car Sharing a disposizione – per ora – della città di Milano. Trecento Fiat 500, che a fine gennaio raddoppieranno il loro numero. Le 500 sono tutte equipaggiate con optional dal massimo confort e computer di bordo, così da garantire il massimo supporto ai passeggeri che con il semplice download di una App, saliranno a bordo. Milanesi, turisti e chiunque sia in città e abbia regolari documenti di guida, può partire alla scoperta della città con Enjoy. Puntini rossi che sfrecciano per le vie della città, parcheggiano indistintamente in tutte le aree del centro, mentre sanciscono una tregua nella battaglia tra le linee dei residenti e quelle del parcheggio a pagamento o del più famoso e temuto “grattino”.  Ne ho già viste tantissime in giro o parcheggiate sotto casa e l’istinto di scaricare la App, salire a bordo e vedere come funziona è davvero fortissima!

I Vantaggi del Car Sharing Eni

Utilizzando auto in car sharing non avremmo più bisogno della seconda macchina, indispensabile invece per ogni minimo spostamento, prima del nostro trasferimento in città. Questo, oltre ad abbattere una parte delle spese familiari, contribuirebbe anche a guidarci verso un uso più consapevole dell’auto. Un piccolo tassello, ma un passo importante per diminuire il traffico e lo smog in città.

Enjoy, a contrario di altri operatori di car sharing, non necessita di costi di iscrizione, ma è “Pay per Use” si paga cioè quello che si usa effettivamente, grazie al sistema di tariffa in movimento. 25 centesimi al minuto entro i primi 50 chilometri, dopo i quali la tariffa è sempre di 0,25€, ma al chilometro percorso e se decidete di fermarvi per visitare una chiesa, una mostra o per lo shopping tra le vie del centro, ma poi ripartire con la stessa auto, Enjoy applica un costo per l’auto in sosta di 10 centesimi al minuto.

Tutto qui. Nessuna spesa di benzina, assicurazione, bolli o tagliandi.

Basta registrarsi con i dati comprensivi di codice fiscale, patente di guida e carta di credito sulla quale verranno addebitati i costi di utilizzo effettivo dell’auto, si sale a bordo e ci si muove per Milano in totale libertà. Grazie ad un sistema chiamato “free floating”, è possibile anche prendere e lasciare l’auto ovunque si voglia, ovunque vi troviate. Semplice, tanto quanto divertirsi!

Noi ci siamo registrati, ma ora siamo curiosi di sapere cosa ne pensate e che rapporto vivete con la vostra macchina. Rinuncereste mai alla macchina di proprietà per passare invece al car sharing?  Avete mai pensato di provare a viaggiare in compagnia di sconosciuti e provare il car pooling?

Articolo sponsorizzato

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo … e ho fatto spazio nel trolley!
Ora siamo la Famiglia Rospi!
Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • La Ste – Diquaedila.it

    Ne sento parlare sempre di più e se mi risultasse comodo…perché no?!

    • Brava!! Credo che sia proprio questo l’atteggiamento giusto! Anche noi, stiamo passando dal concetto di auto di proprietà, verso l’idea di avere la macchina quando serve!! Riscoprire Milano a piedi, in bici, con i mezzi … e con una macchina da lasciare nella più totale libertà, è davvero il top!!