In viaggio con i bambini e i nostri amici a quattro zampe

10

La nostra esperienza da genitori è iniziata a quattro zampe. Dal suo ingresso in famiglia, Leo ci ha sempre accompagnato tra i prati delle campagne cremasche, nei sentieri scoscesi delle Cinque Terre o nei boschi di montagna.

Ma se viaggiare con dei bambini a bordo richiede delle particolari attenzioni, non pensate che le stesse non valgano anche per i nostri amici a quattro zampe, che siano essi cani o gatti. E se si viaggia tutti insieme, bimbi e pelosi, è più difficile? No! Niente ansie, solo gioco di squadra e qualche accorgimento!

Sperimentiamo al ruscello

Viaggio con i bambini e con i cani: consigli pratici per viaggiare in tutta sicurezza

Prevedere delle soste: durante gli spostamenti, così come durante le visite a città e monumenti, animali e bambini hanno una necessità in comune: fare pausa, spesso e volentieri. I primi per bere e mangiare, e fare magari qualche bisognino. Il consiglio è di portare con voi le crocchette adatte, sia per cani che gatti, così da evitare spiacevoli inconvenienti durante il tragitto.

In gita al rifugio Fuciade

 

Tutti in regola. Carta d’identità non solo per i bimbi, ma anche per i quattro zampe! Gli animali devono infatti viaggiare con un documento che attesti ufficialmente lo stato di buona salute e che testimoni le vaccinazioni periodiche. Per viaggiare in Italia è sufficiente avere con sé il libretto sanitario, ma se decidete di varcare i confini nazionali è obbligatorio per legge un vero e proprio passaporto, che potrete richiedere in ASL.

Acqua a volontà: soprattutto in caso di lunghi viaggi in auto, è indispensabile mantenere un buon livello di idratazione. Se state facendo un trekking in montagna e non avete acqua a disposizione lungo il tragitto, è sufficiente avere con voi un sacchetto di plastica da trasformare in una comoda ciotola da viaggio.

 

Al castello di Salisburgo

Scegliere il luogo del soggiorno: prenotate in strutture che non siano solo oasi per “adulti” ma che garantiscono i giusti spazi di movimento sia ai nostri figli che ai cuccioli a quattro zampe. Se il sito della struttura prescelta non specifica l’ammissione degli animali, fate una telefonata preventiva e verificate direttamente con il gestore. Potrebbe essere inoltre l’occasione per assicurarsi della presenza di parchetti o aree cani dove poter scorrazzare in libertà.

Mal d’auto: gli animali non sono abituati agli spostamenti in auto, soprattutto se viaggiate con un cucciolo. Per evitare quindi di ritrovarvi un bagagliaio invaso da croccantini, abituate il peloso di casa a viaggiare a stomaco vuoto. Potete iniziare con brevi tragitti, per poi allungarli a seconda della risposta del vostro compagno di viaggio. E anche i tornati del Pordoi saranno “solo” una bellissima escursione in famiglia!

 

A Leo, verso io l’acqua Mamma!

 

Malati in vacanza: In estate e comunque in presenza di temperature più calde si manifestano reazioni allergiche al pelo degli animali che non si osservano durante i mesi invernali. Colpi di calore, il morso di una vipera o il curioso assaggio di un fungo sono situazioni che bisogna saper fronteggiare con lucidità. Prima di partire con bimbi e pelosi, sinceratevi che nella località prescelta, ci siano cliniche veterinarie o l’ambulatorio pediatrico da contattare in caso di necessità.

Complicato no, ma organizzato sì! E trascorrere i propri giorni di ferie con gli affetti più cari, ai quali purtroppo non si riesce a dare tutto il tempo che vorremmo nella vita di tutti i giorni, è un’esperienza che non ha prezzo e che ripaga di tutti gli sforzi.

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo … e ho fatto spazio nel trolley!
Ora siamo la Famiglia Rospi!
Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!