Indimenticabile Venezia

3

Di questa città meravigliosa ne avrei parlato in un altro periodo. Carnevale. San Valentino. Ma alla richiesta di info, sulla città degli innamorati per antonomasia, delle mie amiche Ramona e Lara, non riesco a dire di no. Sono quindi corsa a riaprire le pagine di Libero e posto quanto vissuto in un incantevole weekend di ottobre 2009. Ruggiero, io e il Rospetto a bordo… 

Indimenticabile: una praola per descrivere l’atmosfera veneziana

Un labirinto magico riflesso sull’acqua. Venezia è una città da scoprire tenendosi per mano, un luogo unico al mondo dove l’antico e il moderno si fondono nel magico scenario di tesori scintillanti, di marmi e di acque. Venezia ci ha incantato illuminata dal magnifico sole di sabato e domenica, ma ancora di più quando ci ha accolti al nostro arrivo venerdì mattina, avvolta dalla nebbia, misteriosa e silenziosa. Venezia è il nascondiglio ideale per un bacio rubato o per un “Ti amo” bisbigliato sotto l’ombrello, da due Rospi innamorati che passeggiano per le calli dopo una romantica cena a lume di candela.

Venezia è una città in perenne movimento, suddivisa in Sestieri (quartieri che rappresentano ciascuno un sesto della città), ti colpisce immediatamente per il senso di precarietà. Nemmeno gli edifici della città danno segno di maschia solidità: contrapposti alla femminilità delle acque che fa scorribande per calle e vicoletti, i campanili sembrano inclinarsi e i palazzi gravare sulle fragili fondamenta, fatte di milioni di pali conficcati nel terreno della laguna. Persino il campanile di San Marco si prese un momento di relax accartocciandosi su se stesso nel 1902, ma dopo dieci anni venne ricostruito dov’era e com’era, per le scalate dei 12 milioni di turisti che ogni anno invadono la Piazza.

Venezia ha il potere di trasportarti indietro nel tempo, basta infatti allontanarsi dalla caotica San Marco che il silenzio labirintico dei sotoporteghi, ti immerge nel passato dell’aurea Bisanzio o nel Rinascimento Rosso Tiziano. Sembra incredibile l’esistenza di un luogo, di una città, dove non ci sono auto, semafori, clacson che strombazzano, bici e scooter che sfrecciano da tutte le parti…tutto questo nonostante il traffico di vaporetti, taxi e gondole del Canal Grande!

Nelle prossime puntate scoprirete tutto su itinerario e alloggio, quali locali frequentare e per finire dove immergersi nella cultura e nella musica!

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • Venezia….metà fissa ogni anno da quando sono nata, eppur non mi stanca mai, anzi, c’è sempre qualcosa da scoprire!

    • wow, la conoscerai benissimo allora!! Cmq sì, è davvero magica!! ci tornereri molto volentieri anche io!!!

  • E’ vero è molto strano passeggiare tra le sue viuzze surreali. Venezia è una città fuori dall’ordinario.