Domenica 28 ottobre: zucche, tuberi e radici nel pentolone delle streghe

0

I am a jack-o-lantern
With two triangle eyes.
My candle has been lighted.
I’m just a perfect size.
I used to be a pumpkin
So nice and fat and round.
I watch the children passing by,
But never make a sound.

Shhhhh Shhhhh Shhhhh Shhhhh
Shhhhh Shhhhh Shhhhh Shhhhh
BOO!

Così recita una filastrocca inglese per celebrare la notte più terrificante dell’anno. Il nostro amico Jack O’Lanter vaga indisturbato nella notte, mentre piccole streghette preparano pentoloni, alambicchi e ricettari magici.

Corinaldo, foto dalla rete

Pipistrelli, ragni e rospi– meglio rimanere nell’ombra per evitare di essere catturati da una vecchia megera J – vi aspettano in questi giorni a Corinaldo, capitale italiana di Halloween, per riempire calderoni con pozioni mostruose. Per il programma che il borgo della provincia di Ancona dedica ai “piccoli mostri” cliccate qui. Bimbi, mi raccomando, fate attenzione agli scherzetti di Zucchino, la mascotte 2012!

Poco distante da Corinaldo, presenze inquietanti si aggirano nel buio. Nell’aria odore di candele e fuochi che appaiono e scompaiono in un silenzio quasi surreale. Siamo a Ostra per la Notte degli sprevengoli. Dal 26 al 28 ottobre un intero borgo, come per incanto diventa teatro a cielo aperto. Padroni incontrastati i dispettosi folletti locali meglio conosciuti dalla tradizione contadina come sprevengoli. Per l’occasione le vie delle 10 cantine tipiche apriranno i battenti a migliaia di visitatori, offrendo le migliori specialità locali accompagnate dai pregevoli vini marchigiani come il Lacrima di Morro d’Alba ed il Verdicchio. Per tutte le info www.visitaostra.it  e su FB: www.facebook.com/LaNotteDegliSprevengoli

Oltre a qualche alcolica lacrima di rosso, zucche, tuberi e radici sono gli ingredienti segreti che non mancano mai nella dispensa della strega.

Ostra, foto dalla rete

Dal 18 al 28 ottobre: Sagra della zucca a Salzano (VE)

In questo sognante borgo dell’entroterra veneziano si potranno gustare le migliori specialità a base dell’ortaggio della settimana. In giro per gli stand eno-gastronomici potrete infatti assaporare i gustosissimi menù tipici che partono dalle combinazioni più tradizionali come ravioli, gnocchi e sughi, a quelli più sfiziosi come la pizza, le cicchetterie e i dolci alla zucca.

Immancabile l’appuntamento con la mostra mercato dei prodotti artigianali e agroalimentari con le bontà tipiche del territorio, che potrete acquistare direttamente dai produttori. E l’attesissimo concorso a premi per la miglior zucca con premi per tutti i tipi e categorie: la più piccola, la più grande, la composizione di zucche più originali, la maggiore quantità di zucche e il premio più ambito quello di Re della zucca attribuito alla zucca più pesante.

Il tutto contornato da laboratori dell’intaglio per gli amanti dell’arte, buona musica, ottimo vino, cabaret, rappresentazioni teatrali, attività ludiche e culturali, un intero mondo che come per magia apre le porte delle proprie tradizioni a migliaia di visitatori, grazie ad una zucca.

Castello di Soncino – foto dalla rete

Dal 26 al 28 ottobre: Sagra delle radici, Soncino – CR

A fine ottobre la cittadina cremonese si rianima con la festa dedicata ad un prodotto dell’agricoltura locale, unico al mondo: la radice amara. Simile ad una carota, raccolta in autunno-inverno per giungere sulle tavole dei buongustai di tutta Italia e dell’Europa, la si consuma come una verdura. Gustosa, depurativa, dai benefici effetti sull’intestino e sul sangue.

Durante la festa, verranno fatte cuocere in grossi pentoloni, le radici preparate il giorno precedente in acqua e limone, per essere poi distribuite con salamelle e buon vino novello ai tavoli sistemati sotto i portici della piazza del Comune. Nella piazza principale, oltre alla degustazione del caffè di radici alla vaniglia, quest’anno potrete assaggiare tantissime gustose varietà di dolci, biscotti e torte con un particolare ingrediente l’estratto di radice.

Tartufi ad Alba – foto dalla rete

Dal 6 ottobre al 18 novembre: Fiera Internazionale del Tartufo Bianco, Alba


La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba affonda le proprie radici nella cultura popolare dello scambio. Alba da sempre rappresenta il centro commerciale più significativo delle Langhe e del Roero, il luogo del commercio per eccellenza.

Inaugurata dal Palio degli Asini e dalla Giostra delle Cento Torri, la fiera del più pregiato dei tuberi, prosegue con iniziative ed eventi legati al mondo del tartufo: mostre, convegni e degustazioni guidate.

Da non perdere il mercato nel Centro Storico, una tradizione plurisecolare che attira ogni anno decine di migliaia di turisti tra le bancarelle sotto le torri.

Una curiosità per le streghette…Sapete da dove arrivano le Maracas? Dalle zucche! Le testimonianze archeologiche recuperate da diversi scavi sul paleolitico, hanno portato alla luce svariati strumenti musicali molto simili per forma, dimensioni e tipologia alle moderne maracas, interamente costruiti da zucche cave e poi riempite di semi di zucca o sassolini. 

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo ... e ho fatto spazio nel trolley! Ora siamo la Famiglia Rospi! Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!