Da Nord a Sud appuntamenti per domenica 21 ottobre

1

A guardare il cielo di Milano oggi, le previsioni meteorologiche e le fotografie di svariate località postate sul web, l’Italia ha dimenticato l’autunno. Neve sulle Alpi, un tiepido sole sulle isole, molteplici stagioni imbizzarrite. Ma nel mezzo, dall’estremo Nord, al profondo Sud, sapori, odori e colori che accomunano la nostra Italia. Oggi lasciamo la mia Lombardia e le sue regioni limitrofe, per fare un tour eno-gastronomico lungo tutto lo stivale con gli appuntamenti per il prossimo weekend.

Dal 19 al 21 ottobre: Festa dell’Uva Merano
Il dorato autunno meranese incornicia una delle massime espressioni delle tradizioni sudtirolesi. E’ la Festa dell’Uva, kermesse in cui per tre giorni, nel centro di Merano si accavallano folclore, musica tipica e gastronomia. Momento centrale della rassegna è la sfilata domenicale di carri e bande con inizio alle ore 14.15.


La tre giorni di festa inizia già al venerdì, con le bancarelle del tipico “mercatino festa dell’uva” pronte a offrire il meglio delle specialità gastronomiche locali di produzione propria. Ma ottobre, è anche tempo di Törggelen, la tipica usanza sudtirolese legata alla cucina tipica stagionale e quindi alle merende a base di vino nuovo o mosto, castagne, speck, formaggi: una tradizione che viene onorata a partire dalla tarda mattinata nei locali dei Portici del centro città. Spuntini allietati dalla musica folcloristica tirolese con una lunga teoria di bande musicali che diffondono ritmi e arie fra strade e piazze del centro storico e sulle Passeggiate che corrono lungo il fiume Passirio.

Dal 19 al 21 ottobre: Sapori d’autunno a Canistro – L’Aquila

Nel cuore di Canistro Superiore, si svolge ogni anno Sapori d’Autunno, festa pensata per dar voce alle tradizioni del piccolo borgo e per valorizzare le risorse del paese come la famosa “Castagna Roscetta”. Colori, suoni, rievocazione di antichi mestieri, pasti tipici tradizionali, usanze, costumi e vicoli addobbati a tema. Questo quello che troverà il viandante in un percorso che da Piazza Risorgimento, giunge in Piazza dell’Immacolata con un susseguirsi di punti ristoro dove verranno cucinati castagne, arrosticini, bruschette, frittelle e salsicce.

Da visitare la “Chiesa Vecchia”, piccola piazzetta da cui si ammira uno splendido panorama e Via Vecchiarelli, ai cui angoli caratteristici saranno esposte mostre di pittura e fotografia.

Dal 19 al 21 ottobre: Sagra della castagna ad Antillo – Messina
Siamo ad Antillo, un suggestivo centro della parte più profonda della vallata dell’Agrò. Qui da anni, la Sagra della castagna ha come intento la riscoperta dei prodotti legati al passato della comunità locale. La festa è infatti un’iniziativa che oltre a permettere la degustazione delle castagne, vuole conservare usanze, gesti e profumi che il tempo lentamente porta via dalla memoria.

La manifestazione ospita anche una ricca e variegata mostra dei prodotti tipici e artigianato locale. Frutti della terra e manufatti di valenti artisti messinesi saranno quindi i protagonisti per degustazioni in loco o da donare a parenti e amici. Numerosissimi i visitatori provenienti dalle province limitrofe pronti a degustare salsicce, funghi, pane casereccio, olio e le protagoniste dell’autunno, le castagne.

Dal 19 al 21 ottobre: Sagra della Polenta Arborea – OristanoPiccola storia quella della polenta di Arborea, ma significativa non solo per le persone che coinvolge, ma per il fatto che l’evento si inserisce nell’ambito delle iniziative che promuovono la cittadina di Arborea, il suo territorio, la sua economia, le sue produzioni.

L’organizzazione della Sagra della Polenta è nata dalla necessità di riscoprire e valorizzare un alimento del passato che affonda le radici in tempi molto lontani. La polenta non è più il cibo povero di una volta. Con il passare del tempo è diventata un piatto molto ricercato, ingrediente di ricette raffinate ed alimento nutritivo di notevole valenza. Durante la Sagra di Arborea si ricordano le fatiche, i disagi, le sofferenze di una vita lontana, ma non dimenticata. Oggi tutto ciò è vissuto in allegria, con la felicità di una comunità che fa festa, orgogliosa della propria identità storica.

La Pro Loco e il Comune di Arborea in virtù anche della composizione variegata della popolazione residente – molte le famiglie di origine veneta, friulana, lombarda ed emiliana presenti nel territorio – ha deciso inoltre, di dare il via ad iniziative volte al recupero delle tradizioni del passato, grazie alla riscoperta della farina di mais. La polenta si accompagna con le salsicce (luganega) e lo spezzatino (tocio), il caratteristico sughetto, in più quest’anno grazie ai Comuni di Zevio e Villorba, città gemellate con Arborea, si potranno gustare delle vere prelibatezze: Polenta con soppressa (Zevio) e radicchio trevigiano con soppressa e pancetta affumicata (Villorba).

Share.

About Author

Ero una single convinta e giramondo, poi ho incontrato un Rospo … e ho fatto spazio nel trolley!
Ora siamo la Famiglia Rospi!
Cosa amo di più (miei ometti a parte)? Viaggi, Avventure e Outdoor!

  • Castagne e polenta, due leccornie che mi piacciono da matti. Ma ti piace la polenta? No perché quasi quasi, prima che il tempo ci bastoni…